Benvenuto nel sito ufficiale dei Missionari Servi dei Poveri

Consacrarsi a Cristo per servire i bisognosi

Pieni di gioia, vorremmo condividere brevemente e in maniera semplice, l’esperienza del giorno solenne della nostra consacrazione definitiva nella famiglia religiosa dei Missionari Servi dei Poveri. È stato il 6 maggio 2021 che abbiamo professato i nostri voti perpetui in questa famiglia cusmaniana, un segno di incrollabile consacrazione a Cristo. La Professione dei voti ha avuto luogo nella parrocchia “Sainte Monique” a Muamba Mbuyi, nella Repubblica Democratica del Congo, in un’atmosfera di giubilo. 

Infatti, la ricerca della carità perfetta attraverso i consigli evangelici ha la sua fonte nell’insegnamento e nell’esempio di Cristo Signore. Ed è Cristo che chiama ogni uomo a seguirlo e a servirlo secondo il suo stato di vita. Quest’ultimo, se necessario, è il celibato consacrato che abbiamo scelto. E questa scelta è stata fatta liberamente per la nostra consacrazione a Cristo Povero, Casto e Obbediente. Abbiamo voluto consacrarci totalmente al servizio dei nostri fratelli e sorelle, e a Cristo che si identifica nei poveri, perché chi dà ai poveri presta a Dio.

Fare i voti perpetui nella Congregazione dei Missionari Servi dei Poveri è stato per noi prima di tutto un motivo di gioia perché ha segnato un passo decisivo nel nostro cammino vocazionale. In secondo luogo, fare i voti definitivi esprime la consapevolezza di una giornaliera responsabilità, che ci invita a unirci ai membri del nostro istituto per portare avanti il carisma e l’opera del nostro Fondatore Beato Giacomo Cusmano. Infine, emettendo i Voti Perpetui, ci presentiamo anche come un segno di donazione in modo che, con il nostro stile, possiamo attirare gli altri a Cristo. Non ci consideriamo delle persone arrivate, ma come coloro che sono alla costante ricerca di Cristo, dedicati al servizio degli altri.

Nella nostra realtà sociale, rispondiamo al carisma del Fondatore con la nostra sorretta attenzione e la nostra multiforme assistenza agli abbandonati e a tutti coloro che condividono con noi la loro vita quotidiana. Lavoriamo anche per promuovere le vocazioni religiose. E contando sulla grazia di Cristo, gli chiediamo di renderci religiosi che vivono secondo il suo cuore e sempre alla presenza di Dio e che ricevono tutto dalle sue mani.

 

Fr. Samuel Beya, Fr. Merlin Kapinga e Fr. Jonas Tshipadi

 

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on email
Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Leggi anche

Altri articoli